SOTTO IL SEGNO DI SCIESSERE. BATTAGLIN SUBITO FUORI

Comunicato stampa n. 12

La prima prova, Valstagna, conferma le previsioni della vigilia

Cielo grigio ma le previsioni sono buone. Quando si mette in marcia la 34^ edizione del Città di Bassano lo sguardo di tutti è rivolto verso l’alto. “Non pioverà” sentenziano gli esperti del meteo anche se qualcuno azzarda che verso sera qualche goccia potrebbe inumidire l’asfalto.

L’orologio segna le 7. Eddie Sciessere e Flavio Zanella sono già sulla pedana di partenza, nel grande piazzale della Bassano Parquet, a fianco dell’Hotel Glamour, “cuore” della manifestazione. La loro Citroen Ds 3 “sibila” sottile. Ancora un minuto e poi via, verso Valstagna.

A intervalli regolari scattano tutti gli altri.

Sui tornanti della prima speciale che porta: 8’13”1. Andrea Dal Ponte, con la Fiesta, chiude con un distacco di  5”02. Spagolla, macchina identica, terzo, è a 13”7. Il resto della truppa è molto più indietro: Piccolotto, quarto, chiude a 29”, Lovisetto a 34.7 Poi tocca a Pozza e a Cobbe. I valori sono delineati: Wrc davanti. Scatta bene Alessandro Battaglin con la sua Mitsubishi Lancer Evo IX. Aggredisce le prime curve con una grinta che non conosce appannamenti. La macchina vola. Il primo parziale gli dice che potrebbe chiudere entro i cinque. Sarebbe fantastico. Giù di piede allora, con Selena che chiama le note sicura. Invece all’altezza del sesto tornante, senza alcun preavviso, il motore si mette a ratare. Battaglin non ci crede. Ha ritirato la vettura dal meccanico solo mercoledì, propulsore rivisto. Qualcosa si deve essere rotto. Forse una fascia elastica. Il “rosso” si ferma non appena trova lo spazio necessario. Apre il cofano e trova l’astina dell’olio sputata fuori. Pressione troppo alta nella coppa. Rimette in moto. La Mitsubishi ruggisce ma Battaglin preferisce non rischiare. Bandiera bianca. Il rally è già finito. Perso, purtroppo, un sicuro protagonista.

Roberto Cristiano Baggio

Addetto stampa Rally Città di Bassano

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *